Amici dei Musei e dei Monumenti
  Home
Menu principale
Home
L'associazione
Appuntamenti
Pubblicazioni
Contattaci
Cerca
Login Form





Password dimenticata?
Nessun account? Registrati
 

Ultime notizie
 
LETTERA DEL PRESIDENTE DEL 18 GIUGNO 2021
 LETTERA DEL PRESIDENTE DEL 18 GIUGNO 2021
SULLA QUESTIONE DEI DUE VOLTI DI JACOPO BASSANO 
 
 
Bassano del Grappa, 18 giugno 2021

Cari Amici,
è doveroso che io Vi informi sugli ultimi sviluppi della raccolta fondi per l’acquisto dei Due Volti diJacopo Dal Ponte e la successiva donazione al nostro Museo.
Per poter comprendere al meglio la situazione attuale riprendo l’iter sin dall’inizio.
1. Nell’autunno del 2019 la Signora Giuseppina Gusella, nostra Socia, antiquaria in Bassano,esponeva Due Volti – la Vergine e un Pastore – che aveva scoperto nel mercato antiquario,aveva fatto restaurare e aveva sottoposto all’esame della dott. Giuliana Ericani.
2. La dott. Ericani – già funzionaria storica dell’arte della Soprintendenza di Venezia e direttrice edirigente dei Musei-Biblioteca-Archivio di Bassano, autrice di saggi e volumi e curatrice di mostre e cataloghi su Jacopo Dal Ponte, i figli e la bottega, esperta di riferimento internazionale per privati ed enti in merito ad opere inedite dei Bassano – produceva un “Parere storico artistico” sulle due tele, attribuendole a Jacopo Bassano.
3. Entrambe le studiose dei Bassano interpellate - la prof. Livia Alberton Vinco da Sesso, nostro consigliere e Premio Cultura Citta di Bassano 2010, e la dott. Claudia Caramanna, allieva del massimo studioso vivente dei Bassano Alessandro Ballarin e sempre in contatto con lui – concordavano col parere della dott. Ericani.
4. Il nostro socio, l’editore Andrea Minchio, accompagnava il Sindaco Elena Pavan a visionare le due tele, esprimendole l’auspicio che potessero esser acquisite alle collezioni cittadine.
5. In assenza di una risposta di un qualche interesse da parte dell’Amministrazione all’acquisizione, la Signora Gusella proponeva a me, allora semplice socio degli Amici dei Musei, di esporre i Due Volti nella mia Filiale di Banca Mediolanum di Piazzale Trento, come già fatto da me un anno prima con l’inedita tavoletta dell’Adorazione dei Magi di Jacopo Bassano, di collezione privata.
6. Per l’esposizione nei giorni venerdì 20 e sabato 21 dicembre 2019 venne commissionata alla dott. Caramanna una scheda scientifica, che venne stampata in 500 copie, quasi interamente distribuite alle centinaia di visitatori, nei due giorni, in Filiale. In quest’occasione la dott. Caramanna tenne quattro lezioni, con immagini, sui due inediti ed intervenne anche don Andrea Guglielmi, arciprete abate di Santa Maria in Colle, per una meditazione dei Due Volti e sul Natale.
7. Poiché non si erano rese disponibili ad una presenza all’esposizione né il Sindaco e ad interim Assessore alla Cultura, né la Presidente della Commissione Cultura del Consiglio Comunale, pur invitate, né la titolare di appalto e di “direzione artistica” dei Musei dott. Chiara Casarin, preso atto del mancato interesse dell’Amministrazione e dei Musei all’acquisizione delle due opere, né in proprio né in collaborazione con privati, si costituì un comitato di privati per la raccolta di fondi: oltre al sottoscritto, l’arch. Andrea Minchio e il dott. Giovanni Marcadella, Presidente degli Amici degli Archivi di Vicenza e Bassano, già Direttore dell’Archivio di Stato di Vicenza e Bassano.
8. La Signora Gusella infatti, avendo deciso di terminare col 31 dicembre 2019 la sua quarantennale attività, aveva espresso il desiderio di rinunciare ai proventi di una vendita dei due quadri e metterli invece a disposizione di chi li acquistasse per donarli al Museo, per una somma di assoluto favore; facendo così un atto di liberalità nei confronti della Cultura bassanese e col forte legittimo desiderio – conditio sine qua non – di poterli ammirare al Museo nel corso degli anni.
9. Nel corso del 2020 appariva presso la Casa d’aste Dorotheum un frammento da tela perduta, di dimensioni analoghe ai Due Volti, sempre attribuito a Jacopo Dal Ponte e avente a soggetto la Testa del dio Vulcano, che, avendo come base d’asta 100.000€-150.000€, è stato aggiudicato per 210.700€. I 50.000€ richiesti dalla Signora Gusella si presentarono raggiungibili rispetto al valore di mercato (circa 400.000€ per entrambi ad un’asta?)
10. Pur tra le mille difficoltà dovute alla pandemia e alla totale mancanza di supporto, sia da parte dell’Amministrazione che della Direzione del Museo, prima vacante e poi affidata alla dott. Guidi, la raccolta fondi ebbe inizio, venendo fatta propria con entusiasmo sia da associazioni che da privati, a Bassano, in Italia, Europa e Nord America.
11. Le parole del nuovo Assessore alla Cultura prof. Giovannella Cabion furono d’incoraggiamento, nel suo messaggio del 29 novembre 2020: “Sono veramente contenta per la Sua raccolta fondi! Non avevo dubbi: Lei ce la farà”. Diverso fu invece l’atteggiamento della dott. Guidi che, pur non avendo all’attivo alcuno studio e pubblicazione sull’Arte Veneta né sui Bassano e
senza ancora aver visto gli originali – dovetti insistere per farglieli vedere – si era da subito espressa negativamente: “Sono solo dei frammenti a fronte di opere intere presenti nella sezione dalpontiana, non saprei dove metterli, non certo nel salone ma tuttalpiù nel corridoio del chiostro”.
12. I 50.000€ necessari sono stati raccolti e il 23 aprile scorso ho spedito al Sindaco lettera di richiesta di accettazione da parte della Giunta Comunale della donazione dei Due Volti, in allegato. In tale lettera ero vincolato al fatto che la Signora Gusella chiedeva semplicemente che le due tele vengano esposte al Museo, senza pretendere il luogo esatto ma genericamente nella sezione dalpontiana, con la corretta didascalia “Jacopo Dal Ponte (attr.). Nulla quæstio sull’eventualità che possano esser temporaneamente spostate o prestate e comunque gestite, ma non considerando ipotizzabile il caso che, dopo alcuni mesi, possano
finire nei depositi: la Signora Gusella si ritroverebbe a perder tutto, il giusto compenso di una loro vendita e insieme anche la possibilità di andare ad ammirarle al Museo, insieme a tutti i Bassanesi e i visitatori.
13. Nella lettera del 15 giugno, in allegato, il Sindaco rifiuta invece le legittime aspettative della Signora Gusella, dei donatori e dei Bassanesi – cioè di non veder finire le due tele nei depositi – richiedendo l’azzeramento di ogni richiesta, definita “oneri morali a carico dell’Amministrazione”, quanto all’esposizione e all’attribuzione a Jacopo Dal Ponte.
14. Ora, come potete ben immaginare, non sono gli Amici dei Musei ad avere l’ultima parola ma la legittima proprietaria dei Due Volti e più importante donatrice: avere la certezza della perdita di un legittimo notevole compenso dalla vendita senza uno straccio di certezza che le due tele vengano stabilmente esposte oppure, di fronte a questa situazione e, da ultimo, di fronte all’articolo nel Giornale di Vicenza di oggi, ritirare la sua offerta.
15. In tale ultimo caso, dopo la perdita qualche mese fa della Pala di sant’Anna di Jacopo la Città perderebbe altre due tele, dai massimi studiosi attribuite a Jacopo e che, senza alcun onere per l’Amministrazione e per i Musei di Bassano, potrebbero costituire la più recente pagina di un plurisecolare mecenatismo dei Bassanesi.

Il Consiglio e io siamo disponibili a parlarne apertamente, in pubblici dibattiti o con le singole persone.
Al bando però formule burocratiche e disastrose rigidità: qui c’è solo bisogno di buon senso e di tanta, tanta gratitudine per chi, tra mille difficoltà, vuol continuare la tradizione di generosità nei confronti del nostro Museo. I miei cordiali saluti

Il presidente
Marcello Zannoni
 

 
CIRCOLARE 9 DEL 2021
CIRCOLARE 9 DEL 2021 
 
Bassano del Grappa, 9 giugno 2021

Cari Amici,
siamo alle ultime settimane prima della pausa estiva e, dopo il largo consenso alle nostre conferenze e visite guidate, abbiamo altri importanti appuntamenti già comunicati – per i quali ci sono ancora posti disponibili - e alcune novità, tra cui una visita guidata sabato 26 giugno:

Venerdì 11 giugno ore 17.00 MUSEO CIVICO
Presentazione del volume ANTONIO CANOVA, Epistolario 1811 a cura di Giuliana Ericani. La propria partecipazione va comunicata agli indirizzi indicati nell’allegato alla circolare del 25 maggio.

Sabato 12 giugno ore 17.00 MUSEO CIVICO - SALA CHILESOTTI
Faber linguæ et Pater Patriæ: Dante 1865-2021, conferenza del prof. Giovanni Battista Sandonà, nostro Socio e Consigliere, nel 7° centenario della morte di Dante Alighieri. Nell’occasione – e per questo ringraziamo la direzione e il personale dei Musei Civici - verrà esposta la xilografia di Adolfo De Carolis Dante Alighieri.
Nel corso del 2007 proposi all’amica e discendente dell’incisore, la dott. Alessandra Bozzoli, di donare al Museo di Bassano un esemplare in suo possesso. L’antenato infatti era legato da profonda amicizia a Gabriele D’Annunzio, che nel 1920 – in prossimità del 6° centenario della morte del Poeta – gli aveva commissionato l’opera, battezzandola Dantes Adriacus. Nel corso della conferenza verranno illustrati i numerosi rimandi di questo snodo artistico e storico.
I dettagli per la partecipazione sono stati riportati nella circolare del 29 aprile.

Domenica 13 Giugno 2021 BASSANO
CAMMINATA A SAN LAZZARO LUNGO IL BRENTA. Storia di una contrada tra Bassano e il Brenta, guidata da Fulvio Bicego. In caso di maltempo verrà recuperata domenica 20 giugno. Una camminata nel Parco delle Antiche Prese e delle Centrali a San Lazzaro, durante la quale rivivremo, attraverso ricordi ed importanti ricerche storiche, la vita dell’uomo e il suo connubio col fiume, con momenti salienti della storia di San Lazzaro, dalla centuriazione romana sino ai giorni nostri.
I dettagli della mattinata sono stati riportati nella circolare del 6 maggio.
In quest’occasione chiederemo al nostro Socio Sostenitore Fulvio Bicego di ragguagliarci sui cantieri di restauro per i quali si è rivelata determinante la sua capacità di raccolta fondi: il Crocifisso del XVII secolo nella Cappella della Riconciliazione in San Francesco; e l’altare del Santissimo Rosario in Duomo, compresa la tela di Leandro Bassano.

Sabato 19 Giugno CITTADELLA
Ore 9 visita guidata al nuovo Museo del Duomo, aperto lo scorso 22 maggio con una veste totalmente rinnovata, conglobando anche quanto rimane della precedente chiesa medievale, con i suoi preziosi affreschi, tra i quali alcuni brani di Jacopo Bassano. La scelta dei curatori – in primis del dott. Andrea Nante, direttore del Museo diocesano di Padova – è stata quella di privilegiare la qualità sulla quantità per offrire pitture e sculture, ma anche esempi di arti applicate, che risultino effettivamente eccezionali per livello o per significato, come la Cena in Emmaus (1537) di Jacopo Bassano o la tavola raffigurante il Compianto sul Cristo morto,
capolavoro della pittura veneta di metà Quattrocento, attribuito da Federico Zeri ad Andrea da Murano.
Ore 10 visita guidata al camminamento di ronda delle Mura, un’esperienza letteralmente
spettacolare. Risalenti al XIII secolo, le Mura hanno una circonferenza di quasi 1.500 metri ed un’altezza media di 12 metri.
Ore 11.30 visita guidata al Teatro Sociale, edificato su progetto di Giacomo Bauto (1817-28) e composto da 54 palchetti decorati da Francesco Bagnara (1830).
Ore 12 (primo gruppo) e 12.30 (secondo gruppo), visita guidata alla mostra MICHELE FANOLI. Dalla Venezia di Canova alla Parigi della Maison Goupil, dal 14 maggio al 29 agosto in Palazzo Pretorio (di cui ammireremo gli splendidi affreschi oggetto di un esemplare restauro).
Ulteriori dettagli della mattinata sono stati riportati nella circolare del 25 maggio.
Come richiesto da alcuni Soci, è possibile partecipare anche solo ad una o più parti del programma, con i soli costi previsti. In ogni caso – per chi non l’avesse ancora fatto - è necessario avvisare della scelta in Segreteria dell’Associazione.

Sabato 26 giugno ore 16.00 MUSEO CIVICO
Visita, guidata dalla dott. Cristina Mondin, alla mostra Palladio, Bassano e il Ponte. Invenzione, storia, mito.
In corso dal 29 maggio al 10 ottobre 2021, per celebrare la conclusione del lungo restauro, “la mostra racconta il mito del ponte, ma contemporaneamente parla di un ponte concreto e reale da oltre 500 anni, il Ponte Vecchio di Bassano, disegnato da Palladio, distrutto e riscostruito più volte, in un’epopea che dal Settecento del Ferracina giunge al presente ‘Ponte degli Alpini’”.
Su prenotazione via email, per un massimo di 15 posti.
Prevediamo altre visite in altre date, in base alle richieste.
Poiché i nostri Soci hanno diritto all’ingresso gratuito alle mostre nelle sedi museali di Bassano, oltre che ai Musei stessi, il contributo alle spese è limitato a 5€, da versarsi subito prima dell’inizio della visita.
NB Le visite guidate sono riservate ai Soci in regola con l’iscrizione per l’anno in corso.

AIUTACI A SOSTENERE LE NOSTRE ATTIVITA’: DESTINA IL TUO 5X1000 E, DA QUEST’ANNO, ANCHE IL 2X1000.
Inserisci il Codice Fiscale 91005740245 dell’Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa APS nella dichiarazione dei redditi.

Da ultimo, in tempo utile verrà convocata l’Assemblea Ordinaria dei Soci, da tenersi entro il 30 giugno.
E, come di prassi, dopo il 30 giugno non verranno più inviate comunicazioni ai Soci che erano iscritti fino al 31 dicembre 2020 ma che non hanno rinnovato la quota nel corso del 2021. Sono pochi ma ce ne sono: una netta minoranza rispetto alla quasi totalità dei rinnovi e, soprattutto ai nuovi Soci che, dal luglio scorso, sono ad oggi ben 67!
Per i mesi di luglio e agosto prevediamo di sospendere le nostre attività ma non il lavoro del Consiglio, che preparerà i programmi per il secondo semestre: faremo del nostro meglio perché siano vari, ricchi e di alto livello.
Da parte del Consiglio e mia i più cordiali saluti, soprattutto ai tanti nuovi Soci!

Il presidente
Marcello Zannoni
 
CIRCOLARE 8 DEL 2021
CIRCOLARE 8 DEL 2021 
 
 
Bassano del Grappa, 25 maggio 2021

Cari Amici,
per queste ultime settimane, prima della pausa estiva, un promemoria, una comunicazione e tre opportunità da cogliere:

1. AIUTACI A SOSTENERE LE NOSTRE ATTIVITA’: DESTINA IL TUO 5X1000 E, DA QUEST’ANNO, ANCHE IL 2X1000.
Inserisci il Codice Fiscale 91005740245 dell’Associazione Amici dei Musei e dei Monumenti di Bassano del Grappa APS nella dichiarazione dei redditi.

2. Pur con le molte difficoltà legate alla ripresa dalla pandemia, tutte le nostre iniziative – conferenze e visite guidate – stanno riscuotendo un notevole successo, col tutto esaurito per le uscite fin qui fatte e con Sala Chilesotti sempre quasi piena nei cinquanta posti autorizzati. In parallelo e a conferma di questo consenso c’è un ulteriore dato che ci riempie di orgoglio: da luglio 2020, data d’ingresso dell’attuale Consiglio, sono ad oggi ben 64 i nuovi Soci. Un grazie di cuore a tutti per la fiducia che ci state dimostrando!

3. Sabato 29 maggio, come già comunicato nella circolare del 29 aprile, è prevista l’apertura della mostra Palladio, Bassano e il Ponte. Invenzione, storia, mito, a cura di Guido Beltramini, Barbara Guidi, Fabrizio Magani e Vincenzo Tiné, fino al 10 ottobre. Ogni indicazione sugli orari e le regole di accesso, nel sito e nel profilo Facebook dei Musei Civici di Bassano del Grappa.

4. Venerdì 11 giugno alle ore 17.00 in Museo Civico si terrà la presentazione del volume ANTONIO CANOVA, Epistolario 1811 a cura di Giuliana Ericani, secondo il programma che trovate allegato. La propria partecipazione va comunicata agli indirizzi indicati nell’allegato.

5. Sabato 19 Giugno CITTADELLA
Ore 9 visita guidata al nuovo Museo del Duomo, aperto lo scorso 22 maggio con una veste totalmente rinnovata, conglobando anche quanto rimane della precedente chiesa medievale, con i suoi preziosi affreschi, tra i quali alcuni brani di Jacopo Bassano. La scelta dei curatori – in primis del dott. Andrea Nante, direttore del Museo diocesano di Padova – è stata quella di privilegiare la qualità sulla quantità per offrire pitture e sculture, ma anche esempi di arti applicate, che risultino effettivamente eccezionali per livello o per significato, come la Cena in Emmaus (1537) di Jacopo Bassano o la tavola raffigurante il Compianto sul Cristo morto, capolavoro della pittura veneta di metà Quattrocento, attribuito da Federico Zeri ad Andrea da Murano.
Ore 10 visita guidata al camminamento di ronda delle Mura, un’esperienza letteralmente spettacolare. Risalenti al XIII secolo, le Mura hanno una circonferenza di quasi 1.500 metri ed un’altezza media di 12 metri.
Ore 11.30 visita guidata al Teatro Sociale, edificato su progetto di Giacomo Bauto (1817-28) e composto da 54 palchetti decorati da Francesco Bagnara (1830).
Ore 12 (primo gruppo) e 12.30 (secondo gruppo), visita guidata alla mostra MICHELE FANOLI. Dalla Venezia di Canova alla Parigi della Maison Goupil, dal 14 maggio al 29 agosto in Palazzo Pretorio (di cui ammireremo gli splendidi affreschi oggetto di un esemplare restauro).

La mostra, curata da Elena Catra, rappresenta la più completa e aggiornata esposizione monografica su Michele Fanoli (Cittadella 1807-Milano 1876), a più di settant’anni dall’ultima rassegna realizzata a Cittadella nel 1950. L’esposizione, con un centinaio di opere tra disegni, dipinti, litografie e sculture, ripercorre l’intera carriera di Michele Fanoli, dall’apprendistato in Accademia di Belle Arti a Venezia, dove era viva l’influenza di Antonio Canova, fino al trasferimento a Parigi. Fanoli si trasferì in Francia per avere a disposizione le più avanzate strumentazioni dell’arte litografica che gli permisero di stampare le tavole dal titolo Opere di Antonio Canova nell’importante stabilimento litografico di Lemercier e venderle nella galleria di Goupil, il famoso gallerista degli impressionisti e post-impressionisti.
All’interno della mostra viene dato un focus particolare alle litografie a tematica canoviana in compresenza con numerose opere provenienti dal Museo Gypsotheca Antonio Canova di Possagno. L’esperienza parigina di Fanoli terminò negli anni Sessanta, quando rientrò in Italia per dedicarsi alla didattica che lo impegnò fino alla morte, avvenuta a Milano nel 1876.
Ritrovo direttamente a Cittadella alle 8.45, al parcheggio di Villa Rina in via Riva del Grappa 89 con mezzi propri. Per chi arrivasse con mezzi pubblici appuntamento di fronte al Duomo alle 8.55.
Su prenotazione via email, per un massimo di 24 posti.
Contributo alle spese di 20€ (comprensive dei biglietti d’ingresso e delle visite guidate), da versarsi subito prima dell’inizio della visita.

Da parte del Consiglio e mia un cordiale saluto, soprattutto ai tanti nuovi Soci

Il presidente
                                                      Marcello Zannoni
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 4 di 14
  Web-Area.Info